Lunedì - Giovedì : 08:00-20.00 solo su appuntamento

Anca

Clicca sull'immagine sottostante per aprire la Guida di anca.

hipguide it

La Protesi Totale Dell’Anca

Lo scopo di una protesi totale d’anca è quello di eliminare il dolore, diminuire lo stato di sofferenza e migliorare la qualità di vita a pazienti che soffrono di artrite o di altre problematiche legate all’anca. Tale scopo è stato raggiunto originariamente negli anni sessanta e da allora sono stati fatti molti progressi.

L’artroprotesi dell’anca è oggi una procedura chirurgica molto comune con risultati clinici eccezionali. In un’anca artrosica, la testa del femore viene rimpiazzata con una sfera metallica o in ceramica, fissata su uno stelo (cementato o no) nel femore e fatta articolare con una cupola in polietilene o ceramica fissata in una base metallica a sua volta fissata nella parte cotiloidea del bacino.

Leggi tutto: Chirurgia dell’Anca

Ceramica-su-Ceramica

La ceramica è stata introdotta nel 1970 nella chirurgia dell’anca. Il primo ad utilizzarla è stato Pierre Boutin, in Francia, e dopo di lui Mittelmeyer in Germania. L’obiettivo ricercato è stato quello di ridurre la produzione delle particelle d’usura al fine di ottenere risultati migliori con i pazienti giovani. Da allora più di 150.000 protesi ceramica su ceramica sono state impiantate, in particola in Europa. Inizialmente si sono incontrati numerosi problemi dovuti sia a fratture della ceramica che ad osteolisi nell’interfaccia osso/protesi. Tuttavia, altri studi scientifici su larga scala riportavano risultati più ottimisti. I primi impianti di questo tipo fallirono, non solo per via della qualità scadente della ceramica (alluminio ossidato), ma anche per la forma degli impianti e delle tecniche chirurgiche forse ancora troppo complicate. La caratteristica più significativa della coppia ceramica su ceramica è la sua biocompatibilità nonché la sua natura inerte.

 

Leggi tutto: Coppie Ceramiche

Metallo-su-metallo

La coppia articolare metallo su metallo è stata introdotta sin dal 1938. Wiles ha impiantato 4 protesi d’anca con coppia articolare metallo-su-metallo. Informazioni e dati sui risultati di questa esperienza sono andati persi durante la seconda guerra mondiale. Contemporaneamente all’introduzione da parte di Charnley della coppia articolare metallo-su-polietilene ( “stato dell’arte”) McKee Farrar introduceva la sua protesi con coppia articolare metallo-su-metallo. Malgrado le buone promesse del metallo-su-metallo, la coppia metallo-su-polietilene si è diffusa sempre più ed è  diventata mano mano molto popolare. Oggi le migliori proprietà metallurgiche e le migliori tecniche di fabbricazione danno alla coppia articolare metallo su metallo nuove opportunità.

Leggi tutto: Coppie Metalliche

Revisione D’Artroprotesi D’Anca

Quando una delle componenti protesiche o tutte e due sono mobilizzate, è necessario rimpiazzarle. Si parla allora di artroplastica di revisione. Esistono varie ragioni per la mobilizzazione delle protesi:

  • osteolisi (riassorbimento osseo) indotto da particolato di polietilene;
  • infezione (settica);
  • frattura (per esempio da caduta).

L´operazione di revisione implica una chirurgia più lunga e difficile con minore probabilità di buoni risultati.

Leggi tutto: Revisione D’Anca

Alternative alla protesi totale dell’anca

Trattamento conservativo

La prima alternativa è quella di evitare un intervento. Se il dolore può essere tenuto sotto controllo con una medicazione appropriata (anti-dolorifici, quale paracetamolo o antinfiammatori non steroidali), con la fisioterapia e adattando le attività fisiche in modo da averne sufficiente confort, allora è preferibile aspettare.

Leggi tutto: Alternative

Sottocategorie